Posta Elettronica Certificata

Il Comune di Camposano ha attivato le caselle di posta elettronica certificata per velocizzare le procedure amministrative con il cittadino e le imprese.

Il Comune di Camposano ha attivato le caselle di posta elettronica certificata per velocizzare le procedure amministrative con il cittadino e le imprese.
Attenzione le seguenti email accettano solo messaggi di posta Certificata.

P.E.C. ISTITUZIONALE

Ufficio Protocollo  – Indirizzo P.E.C.:  protocollo.camposano@pec.it

SEGRETARIO COMUNALE
Dott. Sabatino Iavarone – Indirizzo P.E.C.:  segretario@pec.comune.camposano.na.it

AREA AFFARI GENERALI
Dott.ssa Anna Maria Carmina Rozza – Indirizzo P.E.C.:  affarigenerali.camposano@pec.it

AREA AMMINISTRATIVA LEGALE
Avv. Anna Maria Carmela Gatta – Indirizzo P.E.C.:

AREA TRIBUTI
Dott.ssa Donadia Donatella  – Indirizzo P.E.C.: tributi@pec.comune.camposano.na.it

AREA URBANISTICA – SUAP – CIMITERO
Architetto Pietro Acierno – Indirizzo P.E.C.: urbanistica@pec.comune.camposano.na.it

AREA LAVORI PUBBLICI – AMBIENTE ED ECOLOGIA
Architetto Antonio Ambrosino – Indirizzo P.E.C.:

AREA POLIZIA MUNICIPALE
Com. Giovanni Napolitano – Indirizzo P.E.C.:

Ufficio Stato Civile / Anagrafe / Elettorale / Economato
Sig. Giovanni Maccaferri – Indirizzo P.E.C. STATO CIVILE:
Sig. Giovanni Maccaferri – Indirizzo P.E.C. ANAGRAFE:

Ufficio di Segreteria
Sig. Antonio Genovese – Indirizzo P.E.C.:

RESPONSABILI DPO
Avv. Mario Antonio Massimo Fusario – marioantoniomassimo.fusario@pec-ordineavvocatiancona.it

Cos’è e come funziona
La Posta Elettronica Certificata (detta anche P.E.C.) è un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione tali aggiungere un valore legale ai messaggi. Il valore legale è assicurato dai gestori di posta P.E.C. del mittente e del destinatario che certificano:
– data e ora dell’invio del messaggio dal parte del mittente;
– data e ora dell’avvenuta consegna del messaggio al destinatario;
– integrità del messaggio (e eventuali allegati) nella trasmissione da mittente a destinatario. I gestori di posta assicurano anche notifica al mittente e al destinatario di eventuali problemi occorsi durante la trasmissione. La comunicazione ha valore legale solo se inviata da P.E.C. e ricevuta da P.E.C.

Perchè la P.E.C.
La P.E.C. è nata con l’obiettivo di trasferire su digitale il concetto di Raccomandata con Ricevuta di Ritorno. L’utilizzo della posta elettronica garantisce velocità di consegna rispetto alla posta tradizionale.

A chi può essere utile
A tutti coloro (privati, imprese e enti pubblici) che hanno l’esigenza di inviare e ricevere comunicazioni, documentazione o allegati in modo sicuro, con attestazione di invio e di consegna.

Come si ottiene una P.E.C.
Per ottenere una P.E.C. è necessario rivolgersi ad un cosiddetto Gestore, ovvero aziende, anche pubbliche, che hanno dimostrato di essere in possesso dei requisiti previsti dalla normativa di riferimento e che risultano presenti nell’elenco pubblico tenuto dal CNIPA.

Vantaggi

Semplicità: il servizio P.E.C. si usa come la normale posta elettronica, sia da client che da web.
Sicurezza: il servizio utilizza i protocolli sicuri POP3s, IMAPs, SMTPs ed HTTPs. Tutte le comunicazioni sono protette perché crittografate e firmate digitalmente che garantiscono che i messaggi inviati o ricevuti non possano essere contraffatti.
Valore legale: a differenza della tradizionale posta elettronica, alla P.E.C. è riconosciuto pieno valore legale e le ricevute possono essere usate come prove dell’invio, della ricezione ed anche del contenuto del messaggio inviato. Le principali informazioni riguardanti la trasmissione e la consegna sono conservate per 30 mesi dal gestore e sono anch’esse opponibili a terzi.
No Virus e Spam: le verifiche effettuate in automatico dai gestori P.E.C. garantiscono l’assenza di virus e pubblicità indesiderata.
Risparmio: l’attivazione e l’utilizzo della P.E.C. garantisce un risparmio non solo in termini economici ma anche di tempo se confrontato con gli strumenti tradizionali come fax e raccomandate.

Riferimenti legislativi

DPR 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”: art. 14 (abrogato con l’entrata in vigore del C.A.D. – 1 gennaio 2006
Direttiva per l’utilizzo della posta elettronica nelle pubbliche amministrazioni, emanata il 27 novembre 2003 dal Ministro dell’Innovazione e le Tecnologie di concerto con il Ministro per la Funzione Pubblica.(G.U. 12 gennaio 2004, n. 8.
Codice dell’amministrazione digitale: art. 6, 45 e seguenti (Capo IV)
DPR 11 febbraio 2005, n. 68 “Regolamento recante disposizioni per l’utilizzo della posta elettronica certificata, a norma dell’articolo 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3” (G.U. 28 aprile 2005, n. 97)
Decreto 2 novembre 2005 recante le “Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata” (G.U. 15 novembre 2005, n. 266)
Circolare Cnipa CR/49 recante le modalità di accreditamento all’elenco pubblico dei gestori di P.E.C. (G.U. 5 dicembre 2005, n. 283).

Ultimo aggiornamento

24 Luglio 2020, 16:34